Bentornata Rossella (nel giorno di Mandela)

Nove mesi di sequestro sono lunghi. In redazione, ogni volta che dovevo trattare del suo rapimento o che che mi dovevo occupare di questioni riguardanti l’area in cui si svolgeva la vicenda di Rossella Urru, mi sono ritrovato a pensare a lei con solidarietà, con partecipazione, con preoccupazione. A maggior ragione in questo periodo che mi sembrava l’ultima finestra utile per la sua liberazione. Più avanti sarebbe stato sempre più complicato, se non impossibile ottenere il suo rilascio. L’ipotesi di un intervento (dei paesi della regione? Di una coalizione militare più ampia?) nel nord del Mali per scacciare i vari gruppi del terrorismo islamico avrebbe infatti radicalizzato posizioni e contrasti e reso tutto più difficile. La sua liberazione ha fugato queste preoccupazioni. Mi piace pensare che il suo rilascio è avvenuto nel giorno del compleanno di Nelson Mandela. Bentornata Rossella!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *