Burundi: ormai è guerra

BurundiCredo che ormai non si possa più titolare un articolo, o cominciarlo con una frase ad effetto, tipo: “ Il Burundi sta scivolando nella guerra civile e nei massacri”. Non si può più perché ormai questo cupo scenario si è avverato. E’ realtà. Il Burundi è precipitato nella guerra civile. Non sono valsi tutti i soliti “mai più” che si dicono quando una guerra finisce. Per il Burundi è accaduto di nuovo.

Le ultime notizie dal piccolo paese della regione dei Grandi Laghi descrivono una vera guerra, non solo sporadiche e preoccupanti sparatorie, massacri di civili in questo o quel quartiere di Bujumbura. Una donna che abita nella capitale del paese, ieri, al telefono, mi raccontava di sparatorie con armi pesanti fin dall’alba, di tre caserme attaccate contemporaneamente, di rappresaglie dei militari, di decine di civili massacrati, di una città deserta e di raccomandazioni dei diplomatici stranieri di rimanere barricati in casa.

La prima responsabilità di tutto questo è di un piccolo e insulso presidente, Pierre Nkurunziza, che rispettando un odioso copione africano ha deciso di vincere con l’imbroglio le ultime elezioni per la massima carica dello stato nonostante la costituzione gli vietasse di presentarsi per la terza volta.

Poi c’è la responsabilità di tutto il suo avido e onnivoro entourage: militari, generali, politici, burocrati che stanno legati saldamente al carro del vincitore. C’è anche una responsabilità dei paesi della regione che non hanno mosso un dito per dissuadere Nkurunziza a non portare il paese a questo disastro. Ma del resto costoro – il ruandese Kagame, il congolese Kabila, l’ugandese Musseweni, – si preparano per fare la stessa cosa. Per loro Nkurunziza era il precedente che farà loro comodo quando internamente e esternamente ci saranno proteste per la loro ricandidatura.

Ma una delle responsabilità maggiori è quella della cosiddetta comunità internazionale. Che Nkurunziza avrebbe adottato quella linea lo si sapeva da tempo, ma nessuno lo ha minacciato di interruzione delle relazioni, di embargo, di sanzioni, anche personali, a lui e alla sua famiglia (spesso le famiglie dei dittatori sono gravemente danneggiate se non possono andare a fare acquisti firmati nelle rinomate strade delle capitali europee).

Insomma nessuno ha fatto sentire il peso a Nkurunziza di una Europa capace di chiudere con personaggi del genere. Anche ora, in previsione delle stesse gesta dei suoi vicini, non riusciamo a dire loro che se sbeffeggieranno la democrazia, la costituzione, il volere del popolo l’Europa non li riconoscerà più nella loro carica, pur continuando (ovviamente) a riconoscere il popolo e ad aiutarlo, nelle fughe o nella lotta per la democrazia.

Uno dei motivi per il quale l’Europa non riesce ad essere drastica con questi personaggi e con i loro entourage è che (pur non dicendolo mai chiaramente) se chiudiamo con loro, un attimo dopo questi si rivolgeranno alle economie emergenti e alle potenze politiche rivali dell’Asia, come la Cina, la Russia, l’India, la Malesia. E otterranno credito. Vero, purtroppo. Ma l’Europa non si sottovaluti troppo perché potrebbe sembrare pretestuoso.

3 comments for “Burundi: ormai è guerra

  1. Franco Paganelli
    14 dicembre 2015 at 17:11

    Caro Paolo, ho letto il tuo articolo sul Burundi, è quello che sta succedendo un’altra volta in quel povero Paese .E’ ovvio che se mai avessimo avuto dei dubbi sulla. Stupidità’ umana ,questa notizia conferma invece che. Siamo semmai , peggiori di quanto pensassimo.Solo nostro Signore potrebbe metterci una pezza.Speriamo in lui. Ciao ragazzo , non ci resta che pregare.

  2. piero
    18 dicembre 2015 at 13:43

    Credo che c’entri anche il “peso” che il povero Burundi ha nella diplomazia internazionale…
    Parliamoci chiaro: ci sono paesi di serie B (i paesi africani in genere) e paesi di serie Z
    A chi interessa quello che accade in Burundi , in Togo, in Gabon.. ? Praticamente a nessuno, sono paesi che valgono poco in termini politici, diplomatici, economici, alleanze, ecc
    Dunque un colpo di stato o più in generale instabilità politica e guerre civili in questi paesi non sono considerati molto importanti.
    Altri paesi, anche Africani, al contrario sono ritenuti più importanti vedi ad esempio che in Libia c’e’ stata una attenzione (anche eccessiva) per far fuori – in tutti i sensi – Gaddafi ed ora, anche se con colpevole ritardo, c’e’ un forte sforzo diplomatico e in futuro anche militare
    Lo stesso accade per altre zone strategiche della martoriata Africa: per esempio il Rwanda da ben altra posizione affronta il tema del “terzo mandato presidenziale” che il presidente Kagame chiede ai suoi cittadini.
    La preoccupazione c’è, forse non impedirà a Kagame di ottenere il risultato , ma non sono mancate critiche e osservazioni sia da parte degli Stati Uniti che dell’Unione Europea (da parte di Federica Mogherini …. http://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2015/12/03-hr-declaration-on-constitutional-review-in-rwanda/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *