Nessuna certezza sulla fine del leader di Boko Haram

Forse la fine di un sanguinario leader

Abubakar Shekau in un video del 2015

Abubakar Shekau in un video del 2015

Il capo di Boko Haram, Abubakar Shekau, è comparso in un video nel quale afferma: “Ho fatto la mia parte e sono giunto alla fine. Questo messaggio è per rassicurarvi che sono vivo”. Poi il sanguinario leader della setta nigeriana invita i suoi compagni di lotta alla resa. Parla in arabo e in hausa, come di consueto. Nel videi Shekau appare in uniforme militare, con uno sfondo verde ed è in una versione totalmente opposta a quella con la quale si è sempre presentato: è conciliante, sobrio, pacato, con la barba lunga, affaticato. Di solito appariva arrogante, provocatorio, offensivo, invasato.

Abubakar non appariva in video da diversi mesi tanto che circolavano voci di una sua possibile morte, o di un suo rovesciamento, o di una sua fuga. Invece è riapparso con una sorpresa: praticamente con una sua dichiarazione di resa. Bisognerà capire se si tratta di una “sua” dichiarazione e quanto coinvolge il gruppo. Bisognerà anche capire se qualcuno (e chi) ha preso il suo posto a capo di Boko Haram. Che non si tratti della fine di Boko Haram, purtroppo, è testimoniato dal fatto che in questi giorni la setta ha continuato a colpire duramente con attentati e rapimenti.

Certamente comunque l’uscita di scena di Abubakar Shekau è una notizia importante che testimonia i concreti successi in queste settimane dell’esercito nigeriano che ha strappato a Boko Haram gran parte del territorio che aveva conquistato.

Negli ultimi mesi, infatti, Boko Haram, che dallo scorso anno è affiliato allo Stato islamico, è stato costretto ad arretrare a causa dell’offensiva lanciata dall’esercito nigeriano e dalle truppe regionali della Forza multinazionale congiunta. Operazioni che, come detto, non hanno tuttavia ridotto la capacità del gruppo di colpire con efficacia obiettivi civili e militari dentro e fuori i confini nigeriani.

Il messaggio è di difficile interpretazione e potrebbe segnalare un passaggio di consegne tra Shekau e un successore. L’ipotesi sarebbe avvalorata dal fatto che nel filmato non sono presenti le solite minacce alle autorità nigeriane pronunciate in video dal leader di Boko Haram. Non ci sono invece indicazioni sul luogo in cui le immagini sono state registrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *