Jean Pierre Bemba: la parola fine, condannato a 18 anni

Jean Pierre Bemba: la parola fine, condannato a 18 anni

2016-03-21T144538Z_688198472_D1AESTUOFIAA_RTRMADP_3_WARCRIMES-CONGODEMOCRATIC-BEMBA-kHCD-U1070687890401K3-1024x576@LaStampa.it

C’è la parola fine sulla vicenda di Jean Pierre Bemba che era stato riconosciuto colpevole nel marzo scorso di crimini contro l’umanità dal tribunale internazionale dell’Aja. Adesso è stata resa nota l’entità della pena: 18 anni, una condanna pesante ma non il massimo di ciò che ci si aspettava.

I fatti che hanno portato alla sua condanna risalgono al periodo 2002/2003, quando Bemba era a capo del “Movimento per la liberazione del Congo” e nella vicina Repubblica Centraficana ebbe luogo una vera e propria campagna di stupri e omicidi.

La condanna di Bemba è significativa per diversi motivi: intanto è la prima persona a essere condannata dai giudici dell’Aia per violenze sessuali durante una guerra, inoltre è il primo personaggio ad essere ritenuto direttamente responsabile dei crimini commessi dai suoi subordinati.

Infine Bemba non fu solo un leader guerrigliero o un signore della guerra. Bemba nella attuale Repubblica Democratica del Congo è stato vice presidente e candidato alla presidenza.

Arrestato vicino a Bruxelles il 24 maggio del 2008, l’ex capo militare non si è mai dichiarato colpevole nel corso del processo che si è aperto nel novembre 2010. L’accusa aveva chiesto almeno 25 anni di galera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *