La ferrovia del millennio

imagesEcco una nuova poderosa opera cinese in Africa. Dal punto di vista dell’investimento – quasi quattro miliardi di dollari – sicuramente una delle più imponenti e ambiziose. Una linea ferroviaria che collegherà l’entroterra dell’Africa Orientale all’Oceano Indiano, cioè a quell’Oceano sulle cui sponde ci sono le più grandi potenze economiche e commerciali del pianeta.

La linea ferroviaria collegherà il porto keniano di Mombasa, che è il principale polo economico dell’Africa Orientale, con quattro paesi dell’entroterra continentale: Ruanda, Sud Sudan, Tanzania e Uganda. Complessivamente la ferrovia sarà lunga seicento chilometri. Una grande opera che muoverà, appunto, quasi quattro miliardi di dollari che naturalmente diventeranno molti di più ad opera finita. Sarà pronta in tre anni, dicono i firmatari dell’impresa.

L’opera, come tutte le grandi opere, ha un senso anche solo per il fatto che fa muovere investimenti. Sull’esito finale infatti non è difficile avere dubbi. Intanto i tempi: la realizzazione in tre anni è praticamente impossibile. Se non altro perché il Sud Sudan è in guerra e non è possibile escluderlo dato che il senso di questa ferrovia sono le risorse petrolifere sudsudanesi e quelle minerarie della regione dei Grandi Laghi e i suoi utilizzatori finali, cioè Ruanda e Uganda che non hanno uno sbocco al mare.

L’opera poi ha una valenza politica. Il presidente Ugandese Mussweni ha lodato la Cina che – sono parole testuali – “si concentra sulle reali questioni di sviluppo senza dare lezioni su come dirigere i governi di altri paesi” – ha detto. Il riferimento ad Europa e Stati Uniti è evidente.

Ma la valenza di questa opera, al di là del fatto che verrà portata a termine o meno, è anche simbolica. E’ il segno che la Cina ha fatto dell’Africa il suo territorio di conquista. Si tratta di una conquista intonata ai tempi che, apparentemente, offre opere, infrastrutture, investimenti, lavoro.

In realtà Pechino sa di dover sfamare, far muovere, dissetare per il prossimo millennio oltre un miliardo e mezzo di persone. L’Africa è un grande serbatoio che ha bisogno di ferrovie, oleodotti, strade, ponti per rendere le sue risorse utilizzabili. I dirigenti di Pechino sanno bene che per loro questa è la sfida del futuro. Se non daranno cibo, energia, acqua al loro popolo verranno spazzati via.

2 comments for “La ferrovia del millennio

  1. Sante
    12 maggio 2014 at 08:23

    Raffa, andiamo laggiù a raccontare il cantiere che verrà ?

  2. pat
    12 maggio 2014 at 19:54

    la cina sta diventando un gran partner di sviluppo per tutta l`africa , diverso dai soliti maestri di guerra.., ormai , l`ingorante non `e piu l`africano , ma c`e ancora chi non l`ha capito. Viva la cooperazione internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *