La madre di tutte le tangenti

imagesL’Eni è indagata per corruzione internazionale nell’ambito di una inchiesta della Procura di Milano per l’acquisizione, nel 2011, di un giacimento petrolifero al largo della Nigeria del valore di un miliardo e 300 milioni di dollari.
Non sono un esperto di cose giudiziarie ma pare che l’accusa sia stata formalizzata dopo mesi di inchiesta che, fin dall’inizio, è apparsa senza precedenti.

Non tanto per l’ipotesi di corruzione che nelle concessioni petrolifere nigeriane è cosa “quasi” normale, quanto per l’entità della tangente che, in questo caso, non sarebbe una cresta sul prezzo di una concessione, ma l’intera cifra pattuita per ottenere la concessione, cioè oltre un miliardo di dollari pagati nell’aprile del 2011 per poter esplorare un maxi giacimento di greggio off shore.

Il pagamento sarebbe avvenuto su un conto del governo nigeriano, a favore di una società, La Mabul Oil and Gas dietro la quale ci sarebbe l’ex ministro del petrolio nigeriano Dan Etete, già condannato in Francia nel 2007 per riciclaggio.

Eni, naturalmente, nega. Ma i mesi di indagine dimostrano che evidentemente i magistrati devono essere in possesso di prove, si dice anche di intercettazioni. La corruzione per l’ottenimento di concessioni per le prospezioni, l’estrazione, lo sfruttamento e la commercializzazione del petrolio nigeriano del Delta del Niger ha portato alla luce più di una volta episodi di corruzione tra il governo federale e le compagnie petrolifere.

Ma se l’entità delle tangenti ha raggiunto queste cifre diventa retorico chiedersi perchè la lotta politica in Nigeria sia così sanguinosa e non disdegni di usare formazioni come il Mend in passato, nel Delta del Niger, e la famigerata Boko Haram ai nostri giorni. Questa tangente, un miliardo di dollari, è ben un duecentesimo circa dell’intero PIL della Nigeria. E’ chiaro che se si tratta di affari di questa entità tutti vorrebbero stare al posto di comando, cioè nel governo federale nigeriano che è titolare dei contratti e delle trattative con le compagnie petrolifere che vogliono sfruttare il greggio del Delta del Niger, la vera ricchezza del paese.

E allo stesso tempo appare chiaro il motivo per cui i proventi miliardari realizzati con la vendita di quella greggio non vengano distribuiti alla popolazione.

3 comments for “La madre di tutte le tangenti

  1. vittorio
    6 luglio 2014 at 17:11

    eni, lo sponsor ufficiale degli stati generali della cooperazione.
    siamo di fronte ad un inquinamento della societa’ civile senza pari.

    tocca sperare in un forte ricambio generazionale all’insegna dell’etica, della legalita’ e della trasparenza.
    senza questi pilastri la societa’ civile si trasforma da virtuosa a viziosa.

  2. antonio ferraro
    7 luglio 2014 at 21:41

    …poi abbiamo la faccia tosta di fare i razzisti nei confronti degli africani che “invadono l’Italia” !

  3. 16 luglio 2014 at 10:28

    Questo è una goccia! Quello che che sta succedendo in Nigeri a, in Congo….e altri paesi africani è uno sfruttamento organizzato dall’Onu, dall’America ,dall’Europa….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *