Mai più impuniti. Due delinquenti alla sbarra

downloadE’ iniziato All’Aja il processo di Appello all’ex presidente liberiano Charles Taylor, già condannato lo scorso maggio a 50 anni di carcere per crimini di guerra e contro l’umanità perpetrati nella vicina Sierra Leone durante la guerra civile 1991-2002.

Un altro Charles, molto meno conosciuto, in queste ore è stato estradato dal Ghana, dove era stato arrestato, verso la vicina Costa d’Avorio dove verrà accusato di crimini di guerra e processato. Si tratta di Charles Blè Goudè, ministro della gioventù in Costa D’Avorio durante la presidenza di Laurent Gbabo, anche lui accusato di crimini di guerra e sotto processo all’Aja.

Charles Blè Goudè era diventato addirittura ministro semplicemente perchè era il capo dei cosiddetti “giovani patrioti”, una sorta di milizia per la difesa dell’ex presidente. Soprannominato il “generale della strada” per la sua grande capacità di mobilitare la gente, soprattutto i giovani. Per il clima di intimidazioni e di violenze che aveva creato ad Abidjan era stato oggetto di sanzioni Onu, tra cui il congelamento di beni e fondi e il divieto di viaggiare. La fine di Laurent Gbabo ha interrotto la carriera di un personaggio che sarebbe potuto diventare realmente uno dei più pericolosi gangster dell’Africa Occidentale con agganci nella politica e nell’imprenditoria.

download (1)Charles Taylor invece è assurto alle cronache perchè è rimasto sulla scena più a lungo e in un teatro che era diventato oggetto delle attenzioni dei media internazionali. Nella guerra in Sierra Leone sono state uccise almeno 50 mila persone. Taylor è stato dichiarato colpevole di 11 capi di accusa per crimini di guerra, relativi ad atrocità che includevano lo stupro e l’omicidio. In cambio dei cosiddetti diamanti insanguinati, Taylor forniva armi e supporto logistico ai ribelli del RUF (Revolutionary United Front) in Sierra Leone. Taylor ha iniziato la guerra civile in Liberia come signore della guerra nel 1989, ed è stato eletto presidente nel 1997. Ha governato per sei anni prima di essere costretto all’esilio nel sud della Nigeria. È stato arrestato nel 2006 mentre cercava di fuggire in Nigeria.

 

 

1 comment for “Mai più impuniti. Due delinquenti alla sbarra

  1. Aliou Diop
    24 gennaio 2013 at 13:57

    La stessa cosa dovrebbero fare per Blaise Compaore del Burkina, un assassino ancora al potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *