Nigeria. Sessant’anni di storia in due romanzi di grande letteratura

Un-cielo-pieno-di-lucciole-di-Christie-Watson_avorighHo letto in successione due imperdibili libri sulla Nigeria, per la precisione sulla parte orientale di questo paese, la più travagliata e al tempo stesso la più ricca dal punto di vista culturale, etnico, storico.

Il primo libro e della splendida Chimamanda Ngozi Adichie, nigeriana. Il titolo del libro, tradotto in Italiano e pubblicato da Einaudi, è: “Metà di un Sole Giallo”. E’ un romanzo e al tempo stesso un libro che definirei “storico” perché racconta le vicende di due sorelle della borghesia nigeriana di etnia Igbo post indipendenza nel contesto della guerra del Biafra.

Il secondo è di Christie Watson, britannica, vive a Londra dove esercita la professione di infermiera britannica. Ha sposato un nigeriano e probabilmente questa è stata la spinta a scrivere “Un Cielo Pieno di Lucciole” (Mondadori), ambientato ai giorni nostri nella regione petrolifera del Delta dl Niger.

Per comprendere questa regione e la Nigeria, le compagnie petrolifere, la situazione politica del paese questo romanzo è veramente un compendio unico, eccezionale ad una informazione che, se reperita solo su giornali e periodici di attualità, rischia di essere lacunosa, arida, a volte addirittura fuorviante. Ma ovviamente “Un cielo Pieno di Lucciole”, non è solo questo. E’ un romanzo di alta letteratura, capace di raccontare attraverso piccoli avvenimenti di vita quotidiana, la grande geopolitica e gli scontri, la corruzione, la violenza di questa regione che così tanto contribuisce, con il suo petrolio, al benessere occidentale.

Ma è anche un libro che affronta un tema che è anche una sorta di tabù, quello delle mutilazioni femminili. Lo fa non solo denunciando la violenza di queste pratiche ma anche andando a scovare motivazioni e tradizioni che, se si vuole cancellare questa pratica, non possono esser trascurate. E poi è un libro di sentimenti, il racconto di una famiglia locale nella quale irrompe un bianco dipendente di una compagnia petrolifera. Tema che la Watson (forse anche perché vissuto in prima persona) affronta in modo molto realista e toccante.

9788858401989_p0_v2_s260x420“Metà di un Sole Giallo” è invece il prodotto della stessa autrice di “Ibisco Viola”. Si potrebbe dire che è la puntata precedente di “Un Cielo Pieno di Lucciole”. Questi due libri mettono il lettore di fronte ai grandi temi di sessanta anni di storia della Nigeria Sud-Orientale: Il tentativo di secessione del Biafra, la corruzione, i golpe militari, il contrasto degli Igbo con gli Yoruba dell’Ovest e gli Hausa del Nord e soprattutto il sempre presente rapporto con i bianchi, l’Europa e l’Occidente che, interessati alle ricchezze locali, soffiano sul fuoco.

3 comments for “Nigeria. Sessant’anni di storia in due romanzi di grande letteratura

  1. John Russo
    22 luglio 2013 at 11:09

    Ho già letto Metà di un sole giallo e l’ho trovato splendido! L’ibisco viola l’ho comprato ma lo devo ancora leggere.
    Questo libro della Watson lo prenderò, mi interessa molto, anche perché io sto facendo (al Dams) una tesi su Ousmane Sembène, regista di “Moolaadé”, edito da Feltrinelli, che tratta proprio il tema dell’infibulazione. Potrebbe esser interessante come integrazione alla tesi, oltre che come romanzo in se.

  2. Louise
    11 novembre 2015 at 22:48

    Di ken Saro Wiwa c è un capolavoro. Foresta di fiori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *