Presidenti copioni

Mhommadu Buhari

Il presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari, si trova al centro di una nuova polemica: è accusato dai media di aver plagiato un discorso. Ma non un discorso qualunque, quello di un collega eccellente, il presidente statunitense Barack Obama.

La notizia è stata pubblicata con clamore da un quotidiano locale, “This Day”. Buhari ha pronunciato il suo discorso la scorsa settimana per l’inaugurazione di una campagna interna al suo partito. Titolo del discorso: “Il cambiamento inizia con me”, che in alcuni passaggi, appunto, ricorda molto da vicino il discorso di Barack Obama dopo la vittoria delle elezioni nel 2009: “Dobbiamo resistere alla tentazione di cadere nella stessa partigianeria, nella stessa chiusura mentale e nella stessa immaturità che hanno avvelenato il nostro paese così a lungo. Troviamo un nuovo spirito di responsabilità, spirito di servizio, di patriottismo e di sacrificio. Mettiamoci in gioco e lavoriamo sodo, non solo guardando a noi stessi, ma anche agli altri”, si legge in entrambi i discorsi.

Buhari non ha finora ancora risposto alle accuse ma quasi certamente il colpevole non è lui. I presidenti, non solo quelli africani, hanno schiere di addetti che scrivono loro i discorsi, che suggeriscono loro cosa dire e come dirlo. A maggior ragione quando i discorsi sono pronunciati in occasioni rituali o in anniversari oppure in celebrazioni, e soprattutto quando i presidenti non vogliono dire nulla di particolare o nulla che sia legato all’attualità o alla politica.

E’ molto probabile, dunque, che qualcuno di questi addetti a corto di idee abbia letto le parole di Obama, abbia pensato che erano proprio adatte al “suo” presidente, che quesl discorso di Obama fosse abbastanza lontano nel tempo da non essere ricordato. E ha fatto il guaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *