Sud Sudan. Fermare il massacro, subito!

imagesIn Sud Sudan è ormai il massacro. Se i combattimenti non verranno fermati a breve nessuno sarà più in grado di evitare lo scontro totale. Tra il presidente Salva Kir e il suo ex vice Riek Machar non sembrano esistere possibili mediazioni. Entrambi si sono impegnati in questo scontro decisi ad annientare l’altro. Ed entrambi non stanno esitando a buttare nella fornace della guerra civile le loro tribù, le più importanti del paese: i Dinka e i Nuer.

Il fallimento è totale. Al momento dell’indipendenza del Sud Sudan si era parlato di una vittoria di tutta l’Africa perché un paese, dopo una guerra civile lunghissima, riusciva a fare secessione con un referendum, senza spargimenti di sangue. Oggi si vede che gli spargimenti di sangue sono solo stati dilazionati nel tempo.

Il Sud Sudan, poi, doveva essere il simbolo di un paese che arriva alla indipendenza dopo una gloriosa lotta di liberazione. Oggi vediamo che ci è arrivato ma rischia di trasformare il paese in uno scannatoio come lo è stata Juba in questi due giorni.

Ancora: il Sud Sudan è stato uno dei paesi nel quale la solidarietà internazionale ha più investito. Juba è una delle capitali africane nelle quali c’è più presenza di agenzie umanitarie. La guerra rischia di bruciare risorse e investimenti a danno di una popolazione che è tra le più indigenti del mondo.

Infine la guerra civile, se non verrà fermata, getterà nello scontro una popolazione (aspettativa di vita 45 anni) che ha conosciuto solo guerra e che verrà confermata in questa visione del mondo.

Le prospettive adesso non consentono ottimismo. Sembrano saperlo anche i “due presidenti”, Kir e Machiar. Il primo, il capo dello stato che dall’indipendenza si è sempre presentato in pubblico con quel suo cappellaccio nero, ha già dismesso gli abiti civili e si presenta in pubblico in mimetica militare. Non è un buon segno.

1 comment for “Sud Sudan. Fermare il massacro, subito!

  1. LUISA ZANOTELLI
    26 dicembre 2013 at 12:24

    SOTTOSCRIVO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *