Sud Sudan: guerra, profughi, morti…come Aleppo e Sirte

foto Unicef

Foto Unicef

C’è Aleppo, giusto. C’è Sirte, anche in questo caso non si può dire niente. Ma c’è anche il Sud Sudan, crisi della quale si parla molto meno, e i numeri della crisi umanitaria ormai conclamata, qui sono spaventosi e enormemente superiori a quelli di Aleppo e Sirte.

Queste le cifre diffuse dall’Alto Commissariato dell’Onu per i Rifugiati. Circa circa 110mila le persone dal Sud Sudan sono fuggite quest’anno verso l’Uganda. 82mila di loro sono fuggiti nelle ultime cinque settimane dalle violenze scoppiate il mese scorso a Juba tra l’esercito del presidente Salva Kiir e i ribelli dell’ex vice presidente Riek Machar. L’agenzia Onu si è detta ”estremamente preoccupata” per la rapida escalation della crisi dei rifugiati del Sud Sudan, spiegando che i Paesi vicini e i gruppi umanitari stanno cercando di rispondere alle esigenze delle persone fuggite.

Nel 2016 sono invece altri 100mila i rifugiati che dal Sud Sudan hanno varcato il confine settentrionale per andare in Sudan soprattutto nella prima parte dell’anno e per motivi legati all’insicurezza alimentare. In tutto più di due milioni e mezzo di persone hanno abbandonato le loro case dal dicembre del 2013, quando è iniziato il conflitto tra Kiir e Machar. Tra questi, 930mila persone sono fuggite in Paesi vicini.

“Quello che si vede nel Sud Sudan è la peggiore crisi per i rifugiati al mondo”, ha detto un portavoce dell’Unhcr. La maggior parte di chi è fuggito in Uganda nelle ultime settimana (il 90% sono donne e bambini) ha denunciato violenze sessuali e rapine. ”Inoltre gruppi armati stanno rapendo bambini anche di due-tre anni.

L’Uganda sta lavorando per migliorare l’accoglienza e istituire campo profughi al confine. In alcuni siti la presenza di rifugiati è cinque volte superiore a quella che potrebbero ospitare. L’Unhcr ha lamentato che è stato finanziato solo il 20 per cento del piano di risposta all’emergenza profughi dal Sud Sudan di 609 milioni di dollari, pari a 546 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *