Sud Sudan. Isolare i signori della guerra

imagesIn una intervista rilasciata alla agenzia Misna, monsignor Paulino Lukudu Loro, Arcivescovo di Juba, ha detto che il conflitto in Sudan è una lotta per il potere e non uno scontro etnico. A domanda, se ritiene possibile un incontro tra il presidente Salva Kiir e il suo ex vice Riek Mechar, il prelato risponde che la spaccatura è profonda e che non c’è da aspettarsi a breve un incontro risolutivo tra i due.

Queste valutazioni, che ritengo molto aderenti alla realtà, sono purtroppo una conferma del fatto che il conflitto non verrà fermato a breve perché i due contendenti non lo vogliono fermare e che tra i due leader è in corso una lotta di potere nella quale entrambi non hanno esitato ad usare l’arma più temibile, cioè quella etnica mobilitando le due più importanti etnie del paese, i Dinka di Salva Kiir e i Nuer di Riek Machar.

Ci dobbiamo dunque aspettare che in queste prime fasi del conflitto, da una parte e dall’altra, si tenderà a mettere sotto il proprio controllo quanto più territorio possibile. Preferibilmente quello più sensibile, cioè quello ricco di giacimenti di greggio.

images (1)Nelle scorse ore la logica militare è stata lampante. Le forze ribelli di Riek Mechar hanno conquistato la città di Bor, una delle più importanti del paese, nello stato di Jonglei e per mostrare che erano disposte a tutto pur di mantenerla sotto il loro controllo hanno sparato a due aerei americani impegnati in azioni umanitarie.

Siamo perciò di fronte ad un conflitto che per ora non lascia spazi negoziali. Proprio per questo motivo fino ad ora le iniziative della comunità internazionale sono apparse rituali, deboli e votate al fallimento.

Cosa allora bisognerebbe fare per fermare il conflitto. Innanzi tutto bisognerebbe fare arrivare ai due rivali il messaggio chiaro e forte che l’avere scatenato la guerra, l’avere messo in mezzo i civili, l’avere scatenato le due principali etnie del paese, cioè i Dinka e i Nuer può essere interpretato come reato di crimini di guerra e che peranto, anche a guerra finita, anche a pace fatta, quel reato potrebbe essere perseguibile.

In secondo luogo si dovrebbe bloccare sul nascere quella sorta di diplomazia parallela e tacita che, in casi come questo, si sviluppa con l’obiettivo di accativarsi i favori dei due rivali. Cioè stati, faccendieri, lobby politiche ed economiche che hanno interesse a mutare lo status quo di contratti e concessioni petrolifere promettono ad uno dei contendenti sostegno e protezione in cambio di futuri vantaggi.

In sostanza la comunità internazionale dovrebbe agire “come un sol uomo”, con un unico obiettivo: l’isolamento, la messa sotto accusa, la condanna dei due principali motori della guerra, cioè i personaggi che si giocano il potere.

1 comment for “Sud Sudan. Isolare i signori della guerra

  1. Hassan Ahmed
    22 dicembre 2013 at 22:32

    La storia si ripete sempre in Africa. Quello che sta accadendo in Sudan e’ gia’ accaduto in Somalia, in Ciad, in Nigeria e accadra’ ancora e sempre per I maledetti soldi. Ogni volta che un paese africano scopre una “ricchezza”: petrolio, diamanrti, oro ecc, scatta la maledizione della guerra di tutti contro tutti. Che Dio c’e’ la mandi buona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *