Summit dei Grandi Laghi a Luanda

La missione Internazionale nelle regioni orientali del Congo (KEYSTONE/EPA/SARAH ELLIOTT)

La missione Internazionale nelle regioni orientali del Congo (KEYSTONE/EPA/SARAH ELLIOTT)

Luanda, capitale dell’Angola, ospita il vertice dei capi di Stato e di governo della regione dei Grandi laghi. Il summit sarà ospitato dal presidente angolano Eduardo Do Santos e vedrà la partecipazione, di tutti i capi di stato e di governo della regione. Al centro della discussione ci sarà la crisi nella Repubblica democratica del Congo, dove la decisione di rinviare le elezioni presidenziali all’aprile del 2018 ha scatenato proteste e violenze in tutto il paese. Il vertice è stato preceduto lunedì scorso dalla riunione dei ministri degli Esteri della regione, i quali hanno esaminato i progressi compiuti nell’attuazione degli impegni nazionali e regionali per porre fine ai conflitti armati nella regione travagliata dei Grandi Laghi.

Regione che è travagliata soprattutto perché i presidenti arrivati al termine dei loro mandati rifiutano di andarsene, come appunto Joseph Kabila in Repubblica Democratica del Congo o Pierre Nkurunziza in Burundi.

Questo summit, dunque, ospitato da un altro dei dinosauri africani, cioè Eduardo Dos Santos, non toccherà uno dei veri problemi delle turbolenze di questa travagliata regione, cioè il fatto che la maggioranza dei paesi è governata da capi di stato “eterni”, impossibili da rimuovere e, spesso, sostenuti anche da grandi potenze internazionali.

Diciamo, allora, che il summit è una sorta di convegno per i presidenti che si confronteranno su come sostenersi a vicenda e su come eludere le richieste di democrazia e alternanza al potere. Che almeno si dia il giusto nome alle iniziative politiche.

1 comment for “Summit dei Grandi Laghi a Luanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *