Terrorismo: vittime più vittime di altre

Civili in fuga nello stato di Borno. Photo Jossi Ola

Civili in fuga nello stato di Borno. Photo Jossi Ola

Il terrorismo jihadista è una minaccia per il mondo intero. Ma nonostante questa realtà i morti che il terrorismo produce hanno un valore diverso. A volte molto, troppo diverso. Mentre in Francia si consumava il massacro di Nizza, in Nigeria il terrorismo jihadista di Boko Haram colpisce le vite di milioni di persone e ne uccide diverse centinaia delle quali però non si parla. E’ terrorismo anche quello e se il jihadismo è una minaccia mondiale se ne dovrebbe almento rendere conto. Si, perchè non solo se ne parla meno, ma quasi si occulta la notizia che pure arriva fino a noi. Di seguito l’agenzia di stampa che ce ne rende edotti, ma che nessun giornale ha pensato di pubblicare.

Sono circa 250 mila i bambini nello stato di Borno, nel nord-est della Nigeria esposti a grave malnutrizione cherischiano di morire se non si interviene subito. A lanciare l’allarme è il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia che in un comunicato sottolinea l’aggravarsi della crisi umanitaria provocata dall’offensiva del gruppo terroristico Boko Haram nella regione.

Dei bimbi che soffrono di malnutrizione acuta, uno su cinque morirà se non riceverà le cure adeguate. “Circa 134 bambini in media moriranno ogni giorno per cause legate alla malnutrizione se la risposta all’emergenza non sarà immediata” – si legge in un comunicato dell’organizzazione.

Nello stesso comunicato si legge ancora: “Ci sono due milioni di persone che non riusciamo a raggiungere nello stato di Borno. Ciò significa che la reale portata della crisi deve ancora essere resa nota al mondo e certamente è molto più vasta di quanto possiamo immaginare”.

Cifre incredibili di fronte al pur esecrabile massacro di Nizza: qui si parla di 250 mila bambini a rischio, di morte di 134 bambini al giorno, di due milioni di persone in fuga. Sono vittime del terrorismo anche loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *