Torna l’immortale: Boko Haram e i suoi due leader

Abubakar Shekau e Abu Bakr al Baghdadi

Abubakar Shekau e Abu Bakr al Baghdadi

A questo punto è ufficiale. Boko Haram è spaccata, le due anime di questa formazione jihadista sono venute alla luce, come del resto molti analisti asserivano da tempo e come è ampiamente documentato nel mio libro “Il Califfato Nero”. Lo storico leader dei Boko Haram, Abubakar Shekau, ha infatti annunciato di essere ancora lui il leader del gruppo, e non la persona nominata dall’Isis, Abu Musab al-Barnawi, già portavoce del gruppo terrorista islamico nigeriano.

L’annuncio è arrivato con un messaggio audio con il quale Shekau critica il successore nominato dall’Isis e afferma che il leader dei jihadisti, Abu Bakr al-Baghdadi, non ha mai risposto alle sue lettere nelle quali spiega che al-Barnawi è un “infedele” che predica “false credenze”. Il messaggio di Shekau mette in evidenza le differenze con al-Barnawi, il quale si è impegnato a porre fine agli attacchi alle moschee e ai mercati frequentati dai musulmani che sono diventati un marchio dei Boko Haram.

Shekau giurò fedeltà ad al-Baghdadi nel 2015, diventando così il suo primo affiliato in Nigeria ma il capo dell’Isis non mostrò ma il pieno gradimento di un personaggio imbarazzante e sanguinario come Abubakar Shekau che, fino a quest’ultimo messaggio, era praticamente scomparso.

La notizia è che Shekau (soprannominato l’immortale perchè è stato dato per morto innumerevoli volte) è ancora vivo, che è probabilmente ancora nella regione, che può contare su un gruppo di fedelissimi. Ora si tratta di vedere se le due anime di Boko Haram finiranno per scontrarsi.

Intanto ci sono i fatti. Nello stato di Borno e nei paesi limistrofi intorno al Lago Ciad ci sono due milioni di persone a rischio fame. Ci sono decine di migliaia di bambini denutriti che rischiano di morire per fame e ci sono ancora alcune centinaia di sequestrati prigionieri probabilmente nella foresta di Sambisa. Sono vittime del terrorismo anche loro e di Boko Haram in particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *