Un viaggio in Nigeria, patria di Boko Haram

boko-haram-nigeria

Questo blog è stato fermo una settimana. Sono stato in viaggio in Nigeria, uno dei paesi più colpiti dal terrorismo di matrice islamica. Arrivato in Italia, dopo 24 ore di vuoto di notizie a causa dei voli aerei, constato che mentre ero in viaggio Boko Haram ha continuato la sua azione distruttrice.

Un’altra carneficina è stata compiuta nel nord-est della Nigeria, vicino al confine con il Ciad. Solo pochi giorni fa, mentre ero sul posto, erano stati massacrati 45 abitanti di un povero villaggio che si chiama Azaya Kura, i miliziani avevano preso possesso della cittadina di Chibok dove nello scorso aprile sono state sequestrate oltre duecento studentesse.

Quest’ultima strage ha fatto almeno cinquanta morti, è stato praticamente distrutto un remoto villaggio di pescaori e agricoltori al confine con il Ciad sul lago omonimo. Tutte le vittime sono state sgozzate o falciate da raffiche di Kalashnikov.

Il nome del villaggio è Doron Baga, una località già attaccato in passato dai miliziani fondamentalisti che qui lo scorso agosto hanno ferocemente combattuto contro i militari inviati dal governo centrale di Abuja. Molti abitanti erano fuggiti abbandonando tutto ma altri erano rimasti.

Il copione di quest’ultimo massacro è stato simile a quello di altri sanguinosi raid. I miliziani sono piombati sul villaggio a bordo di motociclette sparando contro qualunque cosa si muovesse. Hanno sgozzato chi non era riuscito a fuggire o era ferito, incendiato case e rubato generi di prima necessità e viveri. Poi sono spariti nella savana.

Tutto questo è avvenuto mentre il paese si avvia verso le elezioni presidenziali di febbraio e la campagna elettorale si è già rivelata durissima e senza esclusione di colpi. Mentre lasciavo la Nigeria la polizia sparava candelotti lacrimogeni all’interno del parlamento di Abuja dove era nata una rissa provocata dai parlamentari dell’opposizione che non volevano rinnovare lo stato di emergenza al Nord.

Alla fine lo stato di emergenza, chiesto e ottenuto quasi un anno fa dal presidente Jonathan, è stato sospeso. Uno sgarro verso il capo dello stato uscente che, secondo le previsioni, rimane comunque il favorito della consultazione. Ma febbraio è ancora lontano e la Nigeria, paese complesso, lacerato, contradditorio e paradossale , potrebbe riservare sorprese.

Di fatto, per ora, Boko Haram potrà intensificare i suoi attacchi nel nord dove, per effetto della sospensione dello stato di emergenza, non ci sarà nemmeno più l’esercito schierato per fronteggiare questi miliziani spietati che sempre più stanno mostrando di voler entrare con i piedi nel piatto delle prossime elezioni. Insomma anche Boko Haram fa campagna elettorale e si inserisce nelle lacerazioni di questo paese.

Dopo una settimana di viaggio in questo paese la convinzione che la Religione e l’Islam non c’entrano nulla si è fatta più forte.

3 comments for “Un viaggio in Nigeria, patria di Boko Haram

  1. Vittorio Parigi
    24 novembre 2014 at 20:32

    Più’ della religione , poté’ il petrolio !

    • Iolanda
      30 novembre 2014 at 07:24

      Questa e’ una pericolosa semplificazione. Detto cosi’ sembra che il petrolio sia all’origine di tutti i mali. Non sara’ invece che, usando di questo come di altri innumerevoli beni che la realta’ del mondo mette a disposizione, all’origine dei mali ci sia il convincimento del cuore dell’uomo di poter essere padrone e creatore della realta’ intera?

  2. TYSON
    21 febbraio 2017 at 19:08

    thanks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *