Un video agghiacciante

downloadSi chiamava Mido Macia, era un tassista mozambicano che lavorava in Sudafrica. E’ stato trovato morto nella sua cella a Daveyton, vicino a Johannesburg. Sulla sua morte è stata aperta una inchiesta perché era stato arrestato poche ore prima dalla polizia per avere parcheggiato male la sua auto e probabilmente per avere risposto male agli agenti. Questi hanno messo in atto una punizione selvaggia, inaudita, crudele.

Ma anche una punizione che si può permettere chi sa di avere molte buone probabilità di rimanere impunito: dopo averlo picchiato (erano in quattro) lo hanno legato al perno degli sportelli posteriori del furgone della polizia (vedi foto) e lo hanno trascinato per le strade di Daveyton, tra le grida della gente che in parte insultava i poliziotti e in parte il tassista. Nessuno però è intervenuto.

Di questa crudeltà ci sono le immagini. Il video è diventato pubblico perché qualcuno, con il solito telefonino, lo ha girato e pubblicato su YouTube. Vi si vede Mido Macia picchiato, tenuto fermo dagli agenti, legato al furgone sul quale sale un agente che mette in moto. I due che restano dietro afferrano ognuno una gamba del povero tassista. Poi le lasciano andare e Mido Macia cerca di tenere il passo, ma poi crolla mentre il furgone prosegue la sua marcia.

Il resto nel video non si vede. Ma probabilmente Mido Macia, ad un certo punto lacero e sanguinante, viene caricato sul furgone, portato ad una stazione di polizia e rinchiuso in una cella. La relazione dei poliziotti quasi certamente parla solo dell’arresto di un personaggio che ha fatto resistenza, un delinquente autolesionista e violento. Poche ore dopo Mido Macia, come detto, viene trovato morto in cella. Il referto parla di lesioni al cervello che gli hanno provocato una emorragia interna.

La vicenda è inquietante. Ma purtroppo non è rara e purtroppo non riguarda solo un paese come il Sudafrica ma anche paesi europei e nord americani. Ma la polizia sudafricana si dimostra tra le più violente e crudeli del mondo. Da aprile 2011 a marzo 2012 sono state aperte 720 inchieste a carico della polizia sudafricana, la maggior parte delle quali proprio per delle morti sospette all’interno delle stazioni di polizia.

E poi la polizia sudafricana che si vede in questo video è la stessa che ha sparato sui minatori in sciopero nel sito di Marikana e, in quel mese di scioperi diffusi, in molti altri siti facendo altri morti, feriti e arrestando decine di lavoratori.

Insomma questo video è una ulteriore dimostrazione che il sogno di un paese arcobaleno (i poliziotti che uccidono Mido Macia sono neri come quelli che hanno sparato sui lavoratori neri di Marikana) è stato tragicamente tradito. Il Sudafrica non è il paese del sogno africano ma un paese violento, in cui gli indicatori dello sviluppo umano peggiorano e nel quale il razzismo è ancora drammaticamente una realtà.

1 comment for “Un video agghiacciante

  1. isabella
    2 marzo 2013 at 19:38

    nn guardo il video…..ne ho gia’ visti troppi……….ma da ogni parte del mondo c’e’ sempre gente violenta e frustrata che nn ha rispetto dei suoi simili :-(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *